Energia

La liberalizzazione dei mercati dell’energia elettrica e del gas è stato un processo che ha portato le aziende e le famiglie a poter scegliere liberamente il proprio fornitore.

La comunità europea al fine di creare un unico mercato europeo dell’energia libero e concorrenziale ha compiuto infatti il primo passo verso la liberalizzazione del mercato dell’energia mediante l'approvazione di due Direttive europee: la Direttiva 96/92/CE per l'elettricità e la Direttiva 98/30/CE per il gas recepite successivamente nell’ordinamento italiano. Per il Mercato dell’Energia Elettrica, il processo di liberalizzazione è avvenuto grazie al Decreto Legislativo n. 79/1999 (Decreto Bersani) che ha aperto, in prima battuta, il mercato alle aziende (1999) e ai titolari di P.IVA per poi completarsi il 1 luglio 2007 consentendo anche alle famiglie di poter scegliere il proprio fornitore. Tuttavia i clienti che non sceglieranno un nuovo fornitore potranno continuare ad essere serviti  godendo di un regime di tutela tariffaria le cui condizioni economiche saranno  prestabilite dall’Autorità per l’Energia Eettrica e il Gas (AEEG), ovvero il Servizio di Maggior Tutela. Per il Mercato del Gas, la liberalizzazione è stata definita dal Decreto Legislativo n.164/2000 (Decreto Letta). Tale processo si è completato alla data del 1 gennaio 2003 consentendo ai clienti di scegliere liberamente da quale venditore, e a quali condizioni, comprare il gas.